Aziende che assumono: come trovarle?

Si parla tanto di lavoro che non c'è, ma in qualche modo le aziende grandi e piccole vanno pure avanti. Chiaramente, rivolgendosi sempre alle solite aziende da cui vanno tutti è molto difficile avere successo, a causa della competizione intensissima (che non si fa altro che alimentare), per cui o si è proprio i migliori e ci si offre a prezzi stracciati, oppure ci vuole una forte raccomandazione.

Perché le aziende non assumono?

Quando l'economia va bene è facile un po' per tutti tirare avanti. È facile trovare lavoro, anche se non si hanno proprio tutte le competenze necessarie, ed è anche facile fare business e sopravvivere senza essere i migliori né particolarmente bravi, perché appunto le cose vanno bene, l'economia gira e i soldi girano.

aziende-economia-abbondanza

Al giorno d'oggi, l'economia chiaramente non gira. Non tanto per la crisi, che pure c'è stata - ed è stata affrontata - nel resto del mondo occidentale. Il vero problema in Italia è la concentrazione della ricchezza. Naturalmente, se un calciatore viene ingaggiato per milioni di euro e un portaborse ne prende migliaia ogni mese, la parte effettivamente produttiva dell'economia ha meno risorse per fornitori, operatori e dipendenti, che sono essenzialmente i consumatori.

In questo contesto, il valore del denaro viene apprezzato molto di più da parte di tutti coloro che hanno entrate fisse o che devono comunque ogni mese vedere come far quadrare i conti. È quindi naturale che, così come i consumatori si guardano bene dallo spendere molto sui beni necessari (anche se per fortuna non siamo ancora al punto in cui non si buttano soldi per gli iphone), anche le aziende si guardino bene dall'assumere dipendenti che non garantiscano entrate superiori alla spesa.

Per questo, non solo è necessario valorizzare le proprie capacità ed acquisirne di nuove, ma anche trovare aziende a cui potersi presentare come la soluzione ai loro problemi.

Come raggiungere le aziende?

Abbiamo parlato di come il mercato del lavoro assomigli molto ad un iceberg, in cui la parte visibile è composta dalle aziende grandi e famose, quelle a cui si rivolgono tutti e per cui la competizione è serrata, mentre la parte sommersa comprende la maggior parte del mercato, quelle aziende che cercano ma che però non comunicano la propria necessità di personale. Ma come fare allora a raggiungere queste aziende? Vediamo.

iceberg-del-mercato-del-lavoro

1. I portali online

La prima risorsa per trovare aziende che assumono sono senza dubbio i portali online. Sono tanti i siti che si occupano di pubblicare quasi ogni giorno annunci di lavoro aggiornati, e basta scorrerli per notare che non è che di crisi ce ne sia proprio così tanta.

Ognuno di questi siti rappresenta qualcosa come dieci volte un semplice giornale di annunci (che nemmeno andrebbe lasciato da parte, naturalmente!). Più ne segui, più possibilità hai di trovare il lavoro che fa per te. Non tralasciare nemmeno i siti internet dei centri provinciali per il lavoro: molti pubblicano veramente tante offerte, quanto i migliori portali di lavoro, quindi vale la pena tenere gli occhi aperti.

2. Fiere del lavoro e career day

Con il calo delle assunzioni, al giorno d'oggi andare ad una fiera del lavoro non significa più trovare tante aziende in cerca di tanti candidati, pronte a fare incetta di curriculum. Ciò non vuol dire che siano diventate del tutto inutili. Al contrario, le fiere del lavoro (quelle fatte bene, ovviamente) rappresentano un'ottima opportunità formativa, che permette comunque di tornare a casa avendo acquisito qualcosa in più.

trovare-aziende-che-assumono-fiere

In concreto, la maggior parte dei career day prevede degli eventi che mirano all'incontro tra gli aspiranti lavoratori e la realtà aziendale. Partecipare consente di capire come funzionano le imprese moderne, quali sono le loro necessità e le loro procedure: così è possibile impostare le proprie aspettative ed eventualmente adattare il proprio profilo professionale.

Naturalmente restano un buon modo per fare nuove conoscenze e farsi pubblicità con le aziende - a patto di prepararsi a dovere, riuscendo a vendersi nel tempo che impiegherebbe un ascensore ad arrivare al piano terra (elevator pitch). È quindi sempre il caso di portarsi almeno una decina di copie del proprio curriculum - mai trovarsi senza, nel caso in cui le cose vadano veramente bene!

3. Elenchi delle aziende

Un approccio diretto a volte può essere la scelta più giusta. Spesso infatti le aziende non attivano affatto procedure di selezione, ma si servono invece dei propri database interni, completi di tutti i dati su coloro che si sono candidati presentando profili interessanti.

Mettersi letteralmente a cercare tutte le aziende che operano in un certo settore in una determinata regione è quindi il modo più efficace per raggiungere la parte sommersa dell'iceberg, che è anche quella in cui è in fin dei conti più facile trovare lavoro.

Su internet è estremamente facile ottenere informazioni su qualunque impresa, e allo stesso modo stilare un elenco di aziende che possono essere interessate al nostro profilo, o consultare elenchi già pronti.

Un ottimo punto di partenza è il sito del registro per le imprese, che è anche un valido strumento per la verifica della serietà di un'azienda che ha pubblicato annunci online. L'iscrizione al registro delle imprese non garantisce l'assoluta serietà di un imprenditore, ma la sua mancanza non è affatto un buon inizio...

trovare-imprese-che-assumono

4. Centri per l'impiego

Per quanto la loro efficacia sia andata diminuendo nel tempo, non vale la pena di trascurare del tutto i centri per l'impiego. Non soltanto perché in fondo aiutare a trovare lavoro è il loro lavoro, e con un po' di fortuna si può trovare personale disponibile, ma anche perché nel complesso dell'impegno da dedicare alla ricerca di lavoro si tratta di un peso relativamente poca cosa. E poi non si sa mai!

Inoltre i bollettini ufficiali delle varie regioni sono pubblicati online ogni pochi giorni, quindi vale la pena seguirli per essere al passo con bandi e concorsi pubblici.

5. Conoscenze

Infine ovviamente non bisogna mai trascurare le conoscenze personali. Soprattutto nel campo delle piccole e medie aziende, è pressoché sempre il caso di far sapere che si è in cerca di lavoro. Non si può mai sapere quando l'argomento salterà fuori, quando l'amico di un amico si troverà a parlare con un suo amico che ha proprio bisogno di qualcuno con le nostre qualifiche e capacità...

trovare-aziende-tramite-conoscenze

Una volta trovate imprese interessanti nella regione in cui si desidera lavorare, è il momento di contattarle tutte, presentando delle autocandidature studiate con cura e rigorosamente adattate di volta in volta. Vedremo presto come preparare un'autocandidatura efficace.