Il decoupage: tecniche e materiali

Abbiamo visto quali strumenti sono necessari per iniziare. Questa settimana vediamo come preparare i materiali per la decorazione e quali sono le fasi per il decoupage vero e proprio.

I materiali

Si possono decorare gli oggetti più vari, dalla ceramica al legno, al vetro, al metallo. I diversi materiali hanno naturalmente necessità specifiche.

Ad esempio, gli oggetti di metallo non possono direttamente essere dipinti con gli acrilici, che tenderanno a scivolare via senza far presa. Per questo occorre passare una mano di primer (proprio come per il make up) e farla asciugare prima di passare alla decorazione vera e propria. Anche il cartoncino ha bisogno di un primer, per lo stesso motivo.

Il legno (soprattutto quello vero!), per la sua porosità, tende ad assorbire troppo materiale, con ovvi sprechi. Per questo si usa un prodotto chiamato turapori, che - appunto - riempie i pori e permette di risparmiare sul colore. Alcuni legni particolarmente porosi, come frassino e rovere, possono richiedere due mani di turapori.

decoupage-scatolino

La ceramica, invece, soprattutto nel caso di oggetti di uso comune come vasi, piatti o ciotole, può risultare grassa, impedendo l'applicazione delle decorazioni. Per questo, lava gli oggetti con acqua e sapone per piatti e asciugali con un panno o una paglietta. A causa della forma molto spesso curva o concava, spesso ai ritagli vanno praticati dei tagli ai bordi per evitare sgradevoli increspature.

Se usi delle fotografie per la decorazione, ricorda che tutti i prodotti che usi - in particolare colori, colla e vernici - devono essere privi di acidi, per evitare che le fotografie sbiadiscano progressivamente. Naturalmente, puoi aggirare il problema usando delle fotocopie a colori.

Le fasi del decoupage

La base

Per prima cosa, occorre pretrattare l'oggetto da decorare. Come abbiamo detto, nel caso di cartoncino o metallo occorre usare un primer, e per il legno del turapori. Se vogliamo decorare un oggetto verniciato (come un tavolino Ikea) è bene eliminare la vernice precedente con della carta abrasiva o della soluzione sverniciante.

Preparare la base è la fase più importante, perché permette un lavoro molto più semplice e un migliore risultato finale. I procedimenti e i prodotti variano a seconda del materiale da lavorare, ma in generale è una buona idea evitare di riempirsi la casa di prodotti troppo specifici: il vinavil può sostituire anche un turapori - che spesso è anche tossico.

Stuccaggio e base di colla

Soprattutto se di legno o ceramica, l'oggetto può essere lasciato così com'è per usare il suo colore (o le sue venature) come sfondo, oppure è possibile passare una o più mani di stucco o vernice per rendere la base liscia e uniforme.

Diluendo la colla con acqua si possono applicare i ritagli con facilità evitando pieghe. Una volta passato uno strato di colla sulla superficie ed eliminato l'eccesso con della carta assorbente, si possono applicare le decorazioni.

decoupage-ceramica

Applicare i ritagli

Come quando si fa la cartapesta, è consigliabile immergere i ritagli di carta in una bacinella d'acqua per ammorbidirla, soprattutto nel caso di carta da riviste, che altrimenti tenderebbe a incollarsi poco e male.

Asciuga delicatamente i ritagli con della carta assorbente e trasferiscili su un foglio di carta argentata per applicare la colla sul retro senza rischiare che ti attacchi tutto. A questo punto puoi applicare i ritagli sull'oggetto, per poi passare un'altra mano di colla anche sopra, lasciando tutto ad asciugare per bene. Dato che la vinavil asciutta è trasparente, non c'è da preoccuparsi del pericolo di macchiare lo sfondo.

Flatting

Si possono applicare più e più strati di colla e ritagli a seconda del risultato desiderato. Una volta che tutti gli strati siano asciutti, va applicata una vernice (almeno 7-8 mani) per realizzare il flatting, cioè la laccatura. Questo processo garantisce il tipico effetto lucido del decoupage.

Esistono vernici di vario tipo, in particolare a base d'acqua o a base di trementina (una resina). Le vernici ad acqua asciugano prima e conservano meglio i colori, mentre quelle a base di trementina tendono a far ingiallire i colori, riscaldandoli, ma rendono l'oggetto impermeabile, e andrebbero quindi applicate sempre, anche solo per le ultime 2-3 mani, in caso si preveda di usare l'oggetto a contatto con l'acqua.

È importante verniciare con cura e ripetutamente, perché solo così non si sentirà più lo scalino tra base e decorazione. A questo scopo, per le ultime due o tre mani di vernice, passa della carta abrasiva (senza esagerare!) tra una mano e l'altra per limare via le imperfezioni.

decoupage-ceramica-bottiglia

Vedremo prossimamente come rendere i nostri oggetti di decoupage più originali, usando tecniche creative come la satinatura e la craquelé.