Come guadagnare con internet?

Probabilmente tutti desidererebbero guadagnare online. Perché alzarsi ogni mattina per andare a lavorare (o a cercare lavoro) quando si può accendere il computer e lasciare che macini denaro per noi? Se la pensi così, forse hai le idee un po' confuse su come guadagnare online davvero.

Internet permette a qualunque professionista di raggiungere più clienti e con minor sforzo. Un sito ben realizzato può far sì che chi è interessato alla nostra offerta venga direttamente a cercarci, meglio delle pagine gialle di una volta. Succede addirittura che piccoli imprenditori ricevano tante richieste da doversi espandere o girare il lavoro. Ma come riuscirci?

1. Fai quello che sai fare bene

Guadagnare con internet non è essenzialmente diverso dal guadagnare nel mondo reale. Il punto di partenza è sempre un'attività che conosci o che ti interessa. Se non hai una qualifica specifica, puoi acquisirne una e poi proporti come professionista, usando internet per promuovere la tua attività.

Ti metteresti mai a fare il pizzaiolo da un giorno all'altro? Ti proporresti mai a dei perfetti sconosciuti come idraulico o arredatrice senza una qualifica e un po' di esperienza? Ricorda che internet è un mezzo, non un fine. Può renderti le cose più facili, ma se non sei già capace in qualcosa, non ti ci arricchirai solo portando la tua attività online.

come-guadagnare-con-internet-pizzaiolo

Scegliere un'attività che ti interessa e ti riesce è molto importante anche in vista dei momenti di difficoltà. È molto più facile perseverare e non arrendersi se ci si batte per qualcosa in cui si sa di essere bravi.

2. Appronta un piano di business

Come per qualsiasi attività di impresa, un piano di business è essenziale. Se hai bisogno di finanziamenti, qualunque possibile finanziatore dovrà essere convinto che la tua attività porterà un profitto. Anche se non pensi di rivolgerti al credito alle imprese, essere in grado di spiegare con chiarezza come pensi di guadagnare fa la differenza.

Devi pianificare con cura le fasi della tua attività, i mezzi di cui hai bisogno, le fonti di spesa e i possibili guadagni. Sii realista nella previsione delle tue entrate, e prepara diversi bilanci che prevedano diversi risultati. Se hai dei costi diretti di produzione, calcola il punto di pareggio - il cosiddetto break-even - cioè quanto devi vendere per rientrare nelle spese.

Se non ami fare calcoli, puoi farti assistere da un commercialista o un amico esperto per i primi tempi, ma è importante che tu acquisisca familiarità col tuo bilancio in prima persona.

come-guadagnare-con-internet-piano-di-business

3. Differenzia la tua attività

Fai (anche solo nel tuo piccolo) ricerca di mercato per scoprire cosa è molto richiesto nella tua zona. Scegli con cura il tuo target di riferimento - il tipo di clienti a cui desideri rivolgerti - e definisci la tua offerta perché si adatti ad esso.

Difficilmente la tua offerta è "per tutti" - difficilmente in un negozio di parrucchiera vedrai le stesse riviste che si trovano in un tipico salone da barbiere, e anche professionisti che offrono servizi apparentemente per tutti (idraulico, fabbro, commercialista) in realtà hanno a che fare di volta in volta sempre con gli stessi tipi ben definiti di persone.

Decidi se intendi rivolgerti ad una nicchia di mercato (appassionati di francobolli tedeschi, ...) o ad un settore più ampio, e a prescindere dall'intensità della competizione nel settore, definisci la tua USP - unique selling proposition. In altre parole, perché tra tante alternative un cliente dovrebbe scegliere te?

Rendi la attività unica rispetto ai concorrenti. Puoi cercare di offrire il servizio più veloce, oppure personalizzarlo per ogni cliente, oppure ancora offrire servizi specifici e più rari. Evita però di basare la tua concorrenza sul prezzo, perché è molto facile per concorrenti più anziani - magari anche per un gruppo organizzato di concorrenti - abbassare il proprio prezzo fino ad eliminarti dal mercato.

4. Crea un sito e ottimizzalo

Il tuo sito internet sarà probabilmente il tuo canale di comunicazione principale con i tuoi futuri clienti, la tua "vetrina" con cui presentarti. Realizzare un sito è ormai molto semplice, bastano un paio d'ore e poche centinaia di euro per un professionista. Quello che i webmaster solitamente non dicono è che il sito da solo non serve a niente, se non può essere trovato dai motori di ricerca- Google, Yahoo, Bing ecc..

La semplice indicizzazione del tuo sito - cioè la sua registrazione negli "elenchi" dei motori di ricerca - è un processo automatico svolto dai motori stessi. La parte realmente difficile è far sì che il sito appaia in prima pagina.

Come -guadagnare -con -internet -ottimizzare -sito

Se il tuo sito non è in prima pagina su Google, la tua offerta può essere la migliore, ma quasi nessuno la troverà: secondo i più drastici, in questo caso il tuo sito praticamente non esiste. Purtroppo in prima pagina c'è posto solo per dieci pagine, e la competizione può essere agguerrita.

Per scalare le liste dei risultati di ricerca si sfruttano le cosiddette tecniche di posizionamento. I criteri in base ai quali i siti vengono ordinati dai motori di ricerca sono praticamente segreti, ma gli addetti ai lavori possono riuscire ad approssimarli. Con un lavoro mirato è possibile ottimizzare un sito perché sia in prima pagina quando si cercano determinate parole chiave.

Naturalmente più è alta la competizione per certe parole, più il posizionamento è difficile. Per questo motivo è sempre un'ottima idea evitare di puntare troppo in alto e cercare di ottimizzare il sito per parole chiave troppo generiche. Rivolgiti ai clienti della tua zona e sii chiaro sulla natura della tua attività. Ottimizzando il sito per parole come "traduzione giapponese prezzi perugia" saresti in competizione con dieci volte meno pagine che con "traduzioni prezzi".

5. Non lanciarti in un ecommerce senza pensarci molto bene

I siti di ecommerce sono la moda del momento. In seguito all'esplosione di grandi portali online come Amazon, eBay e Zalando, e con la complicità di tanti webmaster più interessati a far soldi che al bene del cliente, la rete italiana si è popolata di siti e sitarelli di persone che sperano di guadagnare improvvisandosi venditori al dettaglio.

come-guadagnare-con-internet-vendere-scarpe

Vendere su internet non è molto diverso dal vendere nel mondo reale, e se non vi si è portati non ci si può improvvisare da un giorno all'altro. La comodità delle nuove tecnologie ha reso facilissimo e poco costoso aprire un negozio, ma le difficoltà e le sfide relative alla sua gestione restano e sono anzi moltiplicate.

I siti di ecommerce, inoltre, spesso sono basati su programmi che automatizzano la gestione dei prodotti, creando pagine automatiche e database che di fatto rendono impossibile ai motori di ricerca leggere il contenuto del sito. Se comunque desideri vendere, scegli un sito statico, che ha maggiori possibilità di ottimizzazione, e usalo come vetrina per i tuoi prodotti.

Leggi anche: 7 motivi per non aprire un ecommerce.