Come diventare ricchi (terza parte)

La speculazione in borsa

È chiaro che in tempi di crisi sempre più gente smette di credere alle possibilità del lavoro normale e cerca la fortuna nei modi più strani, in particolare giocando d'azzardo. Il forex non è altro che la versione rimodernata, digitalizzata e alla moda del gioco in borsa.

La borsa è qualcosa di molto antico - già nell'antica Grecia c'era qualcosa di simile - e la speculazione in borsa esiste anch'essa da più e più secoli. Nata come mercato del credito, c'è sempre stato chi ha usato la borsa, comprando e vendendo titoli solamente per profitto e divertimento - giocando, appunto.

Basti pensare che la Bubble Act, una legge inglese emanata per evitare che la speculazione eccessiva provochi crolli della borsa, è datata 1720. Un crollo di borsa era infatti appena avvenuto, provocando una crisi finanziaria - che a sua volta nemmeno è qualcosa di nuovo!

gioco-in-borsa-novecento

Il forex

Forex sta per foreign exchange, ed è fondamentalmente il mercato delle valute straniere. La speculazione sul mercato delle valute, intrinsecamente pericolosa per l'equilibrio delle economie nazionali, è stata proibita fino al 1971 dagli accordi di Bretton Woods. Evidentemente, quando si è pensato che la paura dell'instabilità fosse sufficientemente lontana dalla mente della gente comune, si è ben pensato di liberalizzare la speculazione anche sui mercati monetari.

Le moderne tecnologie permettono in pratica a chiunque di entrare e tentare la fortuna nel forex con un modesto investimento. E moltissimi siti prospettano questo tipo di gioco addirittura come una possibilità di lavoro, "un modo come un altro" per guadagnare da casa, come se si potesse davvero guadagnare una rendita sicura.

Ovviamente anche la speculazione nel forex, come altri tipi di giochi d'azzardo, non garantisce assolutamente alcuna vincita, tanto meno un'entrata stabile ("500 euro al giorno col nuovo sistema matematico!" e simili). Vediamo un po' quali pretesti e quali promesse girano per la rete.

I meccanismi della truffa

Premettiamo che, per quanto si possa trovare un'attività sgradevole perché non produttiva, la speculazione / gioco in borsa non è illegale di per sé, e il semplice fatto di spingere qualcuno ad entrarvi non costituisce di per sé truffa.

giocare-in-borsa-broker

Il problema nasce quando broker più o meno affidabili attirano investitori senza mettere in guardia contro i rischi del gioco, prospettando invece vincite sicure e costanti grazie a questo o a quel sistema miracoloso.

In particolare, molti sedicenti broker vendono "indicatori" e altri programmi che dovrebbero controllare l'andamento del mercato e suggerire come e quando comprare e vendere. A parte l'investimento iniziale (questi programmi costano di solito dai 150 ai 300 euro), le perdite possono essere enormi.

Molto spesso si legge che per sperare di guadagnare davvero qualcosa - sempre ammesso di non incappare in broker truffaldini - occorrerebbe un capitale di partenza di decine di migliaia di euro. Chiaramente non è il caso della maggior parte degli italiani che tentano questa strada per arrotondare lo stipendio.

I broker e la visibilità

Sono tantissimi i broker che si fanno pubblicità su internet, nei forum e anche su Google - la loro attività illecita è estremamente redditizia, e possono permettersi quindi di spendere anche molto per assicurarsi visibilità nei motori di ricerca. Addirittura cercando cose come "forex truffa" appaiono perlopiù siti di broker che sostanzialmente ripetono tutti "giocare è rischioso, stai attento alle truffe: compra il nostro pacchetto".

Girando su forum vari è facile trovare individui che - o perché sono broker in prima persona, o perché fanno parte di qualche schema piramidale, o perché sono pagati proprio per far questo - decantano i vantaggi di questo o quest'altro sito.

consigli-sbagliati-forum

Come in altri settori, uno dei primi campanelli di allarme in questi casi è che il sedicente utente inizia subito dicendo "uso questo sito da un po' e mi trovo bene, mi piace la grafica". Si tratta ormai di cliché, ma chi scrive questo tipo di spam ancora non l'ha abbandonato.

I sistemi per vincere matematicamente

Non c'è bisogno di un genio per notare - ma c'è bisogno di molto buon senso e attenzione per ricordare - che sistemi miracolosi per vincere in borsa non esistono, così come non ne esistono per battere il casinò, o per vincere al lotto. Se un sistema non solo viene promosso come "sicuro" ma anche come "garantito", "testato" o "matematico", è al 100% una truffa.

Perfino in un casinò vero, dove dall'altra parte ci sono degli esseri umani e non dei computer, si applicano tanti sistemi per individuare (e scoraggiare in modo più o meno delicato) chi conta le carte e chi applica altri presunti metodi per ingannare matematicamente il sistema... Perché chiaramente il lavoro del casinò è guadagnare alle spalle di chi gioca, non regalare soldi!

Non c'è bisogno di un genio per capire che nessuno regala soldi, né per strada né online, e se veramente qualcuno scoprisse come vincere non andrebbe in giro a dirlo a tutti. Spesso si fa leva sull'argomento dell'altruismo, ma chi si metterebbe addirittura ad aprire siti che dicono "grazie al mio sistema guadagno 350 euro al giorno, venite tutti a vedere come si fa"? Da dove verrebbero tanti soldi? E perché rischiare di invalidare il sistema in questo modo? Ma soprattutto, perché mai farsi pagare, se il sistema è tanto sicuro e lo si vuole condividere per altruismo?

gioco-in-borsa-non-abboccare

Si tratta chiaramente dello stesso schema della vendita dei numeri del lotto. Se qualcuno è veramente in grado di prevedere i numeri vincenti, perché mai venderli anziché giocarli? Se è per fare del bene, non sarebbe molto più semplice vincere per sé e fare beneficenza? Tante domande senza risposta.

Prossimamente parleremo dei più famosi sistemi matematici "sicuri" per vincere di qua e di là, di perché ovviamente non funzionano, e di chi è che ci guadagna davvero.