8 consigli per scrivere un buon curriculum

Tutti prima o poi si trovano ad affrontare la sfida di stendere il proprio primo curriculum. Se sei studente alla prima ricerca di lavoro, disoccupato, o anche se desideri cambiare il tuo impiego, i seguenti consigli su come impiantare un curriculum professionale e d'effetto possono esserti d'aiuto.

1. Sii breve

Uno degli errori più comuni quando si scrive un curriculum è cercare di farci star dentro tutto, ma proprio tutto, perché "giustamente" si pensa che tutto può essere rilevante. Col risultato di un curriculum di cinque pagine, magari stampate su un solo lato. Alcuni formati preimpostati (come lo stesso tanto osannato curriculum europeo) inoltre lasciano tanto spazio vuoto.

Un curriculum troppo pesante può essere scartato a priori. Assicurati che ogni elemento che inserisci abbia un'utilità, non parlare a vuoto, e diffida di modelli con intestazioni e spiegazioni ovunque: chi legge il curriculum conosce il proprio lavoro e sa che tipo di informazioni troverà.

scrivere-curriculum-breve

2. ...ma completo

Non tralasciare informazioni utili, a cominciare da quelle più elementari come quelle per contattarti. Specifica il tuo indirizzo completo, numero di telefono e un indirizzo e-mail dall'aspetto professionale - cose come "zukkerinadolcettosa@providerscrauso.it" possono far scartare il tuo curriculum in un attimo.

Inserisci dettagli sui tuoi studi e soprattutto sulle tue esperienze lavorative pregresse, se rilevanti. Iniza con due righe di presentazione, che siano efficaci e mirate, in modo che chi legge capisca immediatamente chi sei e cosa ti aspetti.

Non lesinare con i certificati di cui sei in possesso - sempre ché siano rilevanti e non troppo vecchi, naturalmente. Ogni tua competenza può essere utile all'azienda.

3. Procedi in ordine cronologico

Non si possono mettere le informazioni alla rinfusa. A meno che tu non sia uno studente, un buon curriculum, subito dopo i dati personali, inizia con le esperienze lavorative pregresse, in ordine cronologico dalla più recente alla più lontana.

Lo stesso vale per la tua carriera di studi. Non perderti in dettagli lontani: difficilmente al selezionatore interesseranno dettagli sulle scuole medie (il nome e la città bastano e avanzano, e si possono tranquillamente tralasciare se hai una laurea) o su quei due mesi di part-time dieci anni fa - a meno che non dimostri tu il contrario.

scrivere-curriculum-esperienza

4. Personalizza il curriculum

Molti pensano che si possa usare lo stesso curriculum più e più volte perché esso rappresenta noi stessi. In realtà il curriculum rappresenta piuttosto l'immagine che noi vogliamo trasmettere all'azienda a cui lo mandiamo. Per questo motivo, il curriculum va pensato facendo riferimento all'azienda e all'annuncio di lavoro specifico che ci interessa.

Seleziona le tue caratteristiche e qualifiche che meglio corrispondono a quelle richieste, e se possibile usa le parole dell'annuncio, per dare un senso di familiarità - ma non farlo in maniera forzata, tanto per farlo.

5. Aggiorna sempre il curriculum

Se è vero che può essere una buona idea mandare tanti curriculum per avere più possibilità di essere scelti, ciò non vuol dire che si debba mandare tanti curriculum tutti uguali a caso. Per ogni annuncio di lavoro, occorre rivedere il curriculum e modificarlo perché sia attinente con la posizione per cui ci si candida. Se per un'azienda si sono messe in risalto le competenze linguistiche, per un'altra potrà essere opportuno dare più spazio alle capacità creative.

scrivere-curriculum-copiare

Non serve a niente mandare curriculum senza criterio, se non hanno niente a che fare col posto di lavoro o l'azienda verranno scartati immediatamente. Un curriculum evidentemente scritto ad hoc fa un effetto molto migliore sul selezionatore. Ad esempio, le righe di presentazione sono un ottimo modo per adattare il curriculum all'annuncio.

6. Metti una foto

Mettere o meno una foto nel curriculum è una questione che dipende anche dalla cultura locale (nei paesi Scandinavi ad esempio solitamente non è richiesta), per cui è opportuno informarsi sugli usi nel settore o nella specifica azienda in cui si cerca di entrare.

scrivere-curriculum-foto

In generale è consigliabile inserire una foto, per permettere a chi legge il curriculum di farsi un'idea di chi siamo, in modo da facilitare l'instaurarsi di una relazione. In ogni caso, non allegare la foto, ma integrala nel curriculum, altrimenti è molto difficile che il selezionatore vedrà entrambi nello stesso momento.

7. Non cercare di essere originale a tutti i costi

Va bene essere simpatici o dimostrare creatività, ma fai attenzione ad evitare cliché, sia in termini di espressioni che di parole specifiche. Non abbondare con gli aggettivi, che se non giustificati nella lettera di motivazione lasciano il tempo che trovano.

Se non stai facendo domanda per un'agenzia di grafica pubblicitaria o simili, evita curriculum che vogliono essere "spiritosi" e originali. Molto facilmente non saranno capiti, e altrettanto facilmente possono fare una pessima impressione.

Se fai domanda presso un'azienda che ha bisogno di competenze artistiche specifiche, sicuramente ti sarà richiesto di allegare una tua creazione: mantieni il curriculum professionale e aspetta di essere assunto se hai proprio voglia di far vedere a tutti quanto sei simpatico.

scrivere-curriculum-serio

8. Usa bene il computer

È sempre più comune ormai per le aziende chiedere che curriculum e lettere di presentazione siano mandati via email, per sprecare meno tempo e carte varie. Assicurati quindi di acquisire una certa dimestichezza con la scrittura di documenti al computer.

Il computer non è una macchina da scrivere, quindi non spostare il testo a furia di spazi - usa tabelle e tabulazioni piuttosto - e non sottolineare nulla. Non usare caratteri strambi, e soprattutto non inviare documenti in formato Word se non è specificamente richiesto. Usa di regola il formato PDF, che può essere visualizzato allo stesso modo (e gratuitamente) su tutti i computer e stampato con facilità.